Stemma Consulta Ligure
Home Area Riservata

L'associazione

 Statuto
 Regolamento
 Cariche Sociali
 Associazioni
 Sede
 Comunicazioni

Gli eventi

 Tutti giù
Premio Jacopo Varaldo
Riconoscimento Vito Elio Petrucci
 Premio Govi
 Liguria Racconta
Archivio
 Meraviglie
 Meraviglie

Articoli

Simone Repetto
 Articolo Savona
 Noi "protagonisti"
 Limonte?

Collegamenti

 Istituzionali
 Altri Links
 

 

Consulta Ligure: una “protagonista” della cultura locale

 

Nello scenario della cultura “ligustica, la Consulta Ligure sta diventando sempre più protagonista in quel processo di ricerca e di recupero delle proprie memorie storiche, grazie all’individuazione e alla definizione di progetti dettati dal proprio Statuto. Obiettivi precisi, mirati per la loro chiarezza, la validità delle motivazioni e, soprattutto, per la praticità delle proposte.

Il 2007, infatti, si dovrebbe concludere con un bilancio, in via di conseguimento, fortemente premiante, storico per i significativi risultati ottenuti, grazie a piani operativi ambiziosi e impegnativi, ma credibili e ben definiti.

Nel marzo scorso Consulta Ligure ha ottenuto il riconoscimento istituzionale da parte della Regione, per quella peculiarità che identifica il percorso del nostro organismo come “strumento” di unificazione dei liguri.

Con l’uscita prevista nella prima decade di ottobre del 6° volume del “Dizionario Biografico dei Liguri” (dopo una lunga e forzata interruzione), il “sodalizio” continua il proprio impegno nel recupero delle nostre radici storiche, non solo nel rispetto del “progetto operativo” sottoscritto dalle Associazioni nel 1986, ma anche in osservanza di quanto dettato dall’articolo 2 dello Statuto.

Il “Dizionario…”, in un periodo di crisi dei valori e di disorientamento, come sembra essere quello attuale, esalta l'esempio di “uomini” illustri, assumendo grande valenza propositiva, potenzialità educativa e forza di emulazione, soprattutto tra le giovani generazioni. La conoscenza più approfondita della persona, della sua storia esistenziale, della sua esperienza, dei suoi ideali e del suo messaggio, può costituire un apporto per il nostro cammino, un impulso ulteriore verso i riferimenti cui tendono gli sforzi e gli slanci che caratterizzano e nobilitano le nostre radici ligustiche.

Sono molti gli istituti che hanno già prenotato questa sesta edizione (banche, fondazioni, librerie, biblioteche ecc.), unitamente ad importanti centri culturali dell’intera Regione. Il “Dizionario..”, infatti, rappresenta, tra l’altro, un prestigioso “mezzo” in occasione delle molteplici pubbliche relazioni a cui sono chiamate molte realtà imprenditoriali.

Recentemente è stato definito un accordo con l’Associazione Culturale “Gilberto e Rina GOVI” per un concorso di poesia nelle parlate locali. È una collaborazione che ci permette di rafforzare ulteriormente visibilità e prestigio.

Le due commedie premiate alla prima edizione del concorso “Jacopo Varaldo” sono già pubblicate e, entro fine anno, presentate alla stampa e al pubblico. Il costo dei due lavori è stato sostenuto interamente da una Fondazione e da un impresa commerciale.

Ma è con la Regione Liguria che il nostro organismo sta ottenendo una grande e, si presume, lunga collaborazione per una serie di obiettivi comunemente condivisi e fortemente partecipati.

Innanzi tutto l’Assessorato alla Cultura prossimamente metterà a nostra disposizione un piccolo locale in Piazza Dante per la raccolta e l’archiviazione di tutte le nostre pubblicazioni. Ciò è una risposta estremamente positiva da parte di Via Fieschi sul connotato e sulla validità del nostro “profilo” e sulla serietà del nostro operato.

Tra le tante proposte, il progetto francamente più ambizioso in via di concretizzazione con l’Assessorato di Fabio Morchio e la Direzione Scolastica Regionale per la Liguria, interessa il mondo della scuola. Un’iniziativa studiata e voluta dalla Consulta Ligure indirizzata alle scuole elementari il cui bando ha per titolo:

 

1° Concorso scolastico regionale

 

LA LIGURIA CI RACCONTA …. LA SCUOLA RIFLETTE

Tradizioni, Arti, Mestieri, Personaggi

 

Il tema assegnato per l’edizione 2007-2008 è

La scuola sul mio territorio:

Da oggi a …. Anni fa

 

La ricerca dovrà esaminare, con la massima libertà, i cambiamenti intervenuti nella scuola del territorio di appartenenza, seguendo alcune possibili linee di lavoro come:

Il Concorso, completamente gratuito, è rivolto alle classi, insegnanti e allievi, delle scuole della Liguria nonché di quelle aree amministrativamente non appartenenti alla regione ma liguri per cultura e tradizione; in questa prima edizione è riservato alle classi quarte e quinte elementari.

Le classi partecipanti potranno avvalersi della collaborazione di una delle Associazioni aderenti alla Consulta Ligure, scegliendo come referente quella presente nel proprio territorio o più vicina che sarà disponibile a fornire suggerimenti, assistenza ed eventualmente a partecipare direttamente ad alcuni momenti dei lavori delle classi.

Gli obiettivi del concorso mirano essenzialmente a:

Nel mese di maggio 2008 i lavori “finalisti” saranno premiati dalla Regione Liguria e le classi saranno invitate ad un viaggio-premio a Genova.

La presentazione ufficiale del concorso si terrà presumibilmente verso la prima decade di ottobre attraverso una conferenza stampa programmata nel palazzo della Regione in Piazza De Ferrari.

L’idea che spinto la Consulta Ligure a realizzare questo progetto nasce dal fatto che, da diversi anni, molte scuole elementari in Liguria promuovono attività didattiche di ricerca volte ad incrementare il senso di appartenenza alla comunità e il legame con la propria cultura, a riannodare il presente col passato per meglio comprendere ed interpretare chi siamo oggi, da dove veniamo e con quali prospettive si presenta il nostro futuro.

Concludendo, il bilancio di questi primi nove mesi del 2007 è senza dubbio molto positivo e ci rende orgogliosi di fronte alle istituzioni e all’opinione pubblica perché la Consulta Ligure dimostra di poter assumere un ruolo attivo e trainante nel contesto della cultura regionale. È il frutto di un gioco di squadra capace di dare, nel tempo, quella forza necessaria al recupero del nostro glorioso passato per riportarlo al presente.

Infatti, è fondamentalmente importante per tutti noi liguri accrescere la consapevolezza della nostra identità, per trovare nella nostra storia e nella nostra cultura gli spunti per il futuro, per continuare ad essere parti attive di un popolo decisamente “tosto” e, soprattutto, longevo.

 

Elmo Bazzano

Presidente della Consulta Ligure

 

[Inizio Pagina]